Rullo per la bicicletta: a cosa serve? Qual è la sua funzione principale? Può sostituire anche la cyclette in casa? Per chi è indicato? Quali sono le diverse tipologie sul mercato? FFitness introduce il prodotto must per l’allenamento indoor in inverno.

ffitness rullo bicicletta cosa è come funziona come usarlo esercizi allenamento workout Il rullo per la bicicletta è non solo il prodotto giusto per trasformare la mountain bike in una cyclette in linea con le proprie aspettative, ma anche lo strumento che supera e risolve il problema climatico o di tempo a disposizione per fare esercizio. Permette di utilizzare la propria bici in casa qualora ci fosse poco tempo per farsi giri lunghi e salutari, o nel caso in cui ci fosse pioggia e un clima avverso. È il must have dell’allenamento indoor, facile da usare e molto sicuro. È anche molto richiesto da un pubblico attento alla propria salute, sportivo e amante ovviamente del ciclismo, che tuttavia non è nelle condizioni di spostarsi con facilità per i propri allenamenti.

Diverse sono le tipologie di rulli per bici sul mercato, in base alle caratteristiche richieste e a seconda del budget che si intende spendere. Ad esemio, alcuni sono professionali ma scomodi da montare, altri hanno delle caratteristiche standard adatti a chi non ha molte pretese e vuole semplicemente allenarsi senza provare il brivido dell’emulazione fedele di una corsa in bici. Altri sono ipertecnologici, con la possibilità di collegarli al pc o alle console di videogiochi, oppure consentono di rilevare alcuni indicatori come il battito cardiaco.

TIPOLOGIE DI RULLO

I rulli tradizionali sono prodotti standard con caratteristiche basilari per l’allenamento indoor. Prevedono il bloccaggio della bici su di un cavalletto appoggiandola su di un rullo su cui viene applicato un freno. La simulazione della corsa in bici è nella media, sono molto facili da montare per un allenamento in estrema velocità. 

I roller sono la seconda tipologia, in grado di porsi nel mezzo fra strumento amatoriale e strumento professionale. Consta semplicemente di tre cilindri allineati su cui poggiare la propria bicicletta. La pedalata è molto realistica poiché è anche possibile piegarsi su i lati, essendo la bici libera da blocchi o cavalletti. Con i roller si ha la necessità di dover stare sempre in equilibrio, la qual cosa è l’ideale per un allenamento realistico, ma stressante per un amatore. Infatti, la difficoltà principale è l’avviamento: è necessario fare molta pratica nella fase iniziale per non rischiare di cadere e farsi del male.

Infine, i rulli direct drive sono i più professionali, sicuri e silenziosi della categoria. Per utilizzarli è necessario smontare la ruota posteriore e applicare questo strumento. Questa caratteristica da un lato li rende i più sicuri e silenziosi, dall’altro i più complicati da utilizzare, ma anche più costosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.